Proseguono le interviste di 2M Sales Management, oggi conosciamo meglio Orazio Cuneo, Founder MWM Solution

 

  • Ciao Orazio, se sei d’accordo direi di rompere il ghiaccio chiedendoti di presentarti: racconta cosa fai.

Sono il founder di MWM Solution, una start-up innovativa nel settore della monetica la cui mission è la concezione e sviluppo di forme di moneta complementare e/o token virtuali. La startup oggi è incentrata sul prodotto di punta Circuito IES: un network che utilizza il token digitale Valore IES veicolato da un wallet app + card con cui scambiare beni/servizi, competenze e know-how.

 

  • Parafrasando Zygmunt Bauman, oggi viviamo in una società “Liquida” dove i punti di riferimento si sgretolano e tutto diventa veloce; qual è, secondo te, l’asset della tua azienda/lavoro che reputi strategico in un contesto così fluido?                                                                                                            

MWM Solution si propone come connettore fra i protagonisti del territorio: l’approccio collettivo di tutte le componenti (consumatori, imprese, associazioni, enti locali) rimette la Persona al centro degli scambi attraverso un network che utilizza un token digitale per scambiare beni/servizi, competenze e know-how creando nuove relazioni, nuove economie, nuova qualità della vita, per tutti, nel territorio dove viviamo.

 

  • Come è cambiato il tuo modo di lavorare negli ultimi anni? Quanto ha inciso il Covid? Qual è, secondo te, la lezione più importante che dobbiamo imparare e possibilmente non scordare da questa pandemia?

Il COVID ha messo alla prova tutto il mondo e le startup in particolare … chi ha letto la situazione in tempo, cambiando modi e tempi di lavoro, è riuscito a superare la tempesta. La lezione da imparare è che non dobbiamo essere schiavi del cambiamento, ma essere bravi a governarlo.

  

  • Alexander Osterwalder, ideatore dell’ormai famoso Business Model Canvas, ha teorizzato la cosiddetta “Azienda invincibile” attribuendole 3 caratteristiche: 1) La cultura del primo giorno 2) la capacità di reinventarsi sempre 3) la forza di non smettere di sperimentare. Aggiungeresti altro alla tua azienda invincibile ideale?

Penso che il “talento” delle persone all’interno di una azienda sia il carburante essenziale. Ogni azienda che sa sviluppare, attrarre, gestire il talento all’interno di un’organizzazione che tenga conto del fattore umano in termini di peculiarita’ e di squadra, pone le basi per uno sviluppo di lunga durata a prescindere dagli imprevisti.

 

  • Si può fare innovazione, secondo te, anche in tempo di crisi? 

Secondo me è forse il metodo più “sicuro” per affrontare una crisi … partendo dall’assunto che le stesse azioni portano agli stessi risultati, innovare ti porta ad analizzare a fondo i processi, prendere decisioni anche scomode in velocità, sperimentare e sviluppare i risultati con accuratezza; non si cambia tanto per cambiare, ma solo per migliorare.

 

  • In una battuta conclusiva qual è la cosa del tuo lavoro che vorresti cambiare e quella che non cambieresti mai?

Vorrei poter gestire l’eccesso di adrenalina che non mi fa dormire la notte, però la cosa che non cambierei mai è l’eccesso di adrenalina che non mi fa dormire la notte … penso che non ci sia risposta migliore a questa domanda!

 

Grazie Orazio, buon lavoro!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">HTML</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*