Circuito IES alla 1°settimana delle Innovazioni ,Tecnologie e Ambiente

image

Sette giorni dedicati alle tecnologie più innovative in tema di didattica , ecologia, preservazione dell’ambiente e nel campo della programmazione, del gaming e della realtà virtuale.

Dal 2 all’8 dicembre si svolgerà a Partanna la prima edizione della Settimana delle Scienze, Innovazioni, Tecnologie e Ambiente (Sita). La cittadina del Belice ospiterà esperti di rilievo regionali e nazionali per provare a raccontare le realtà imprenditoriali del futuro e a promuovere figure professionali di ultima generazione in grado di dare nuovi sbocchi lavorativi ai giovani del territorio e a contrastare l’esodo costante verso le altre regioni italiane o all’estero.

Incontri con imprenditori innovativi, investitori internazionali, laboratori di programmazione, seminari sullo sviluppo sostenibile, tavole rotonde, presentazione di Start-Up e talk sui mestieri del domani. Da sempre attento all’ambito tecnologico e alla sua diffusione il Comune di Partanna, a partire dalla nascita del G55 Coworking/Fablab, ha puntato sull’innovazione e sull’importanza della formazione tecnologica dei giovani come strade per sviluppare il tessuto economico e sociale dei piccoli centri del Belice e per un futuro migliore.

Circuito IES sara’ protagonista venerdi’ 6 dicembre ore 09.30 durante l’Ispirational Talk ” Si puo’ fare anche da noi ” , davanti una platea di 400 ragazzi delle classi V degli istituti superiori della zona del Belice, dove il founder Orazio Cuneo portera’ la propria testimonianza di startupper sul territorio siciliano, con altri interventi di imprenditori siciliani innovativi

Alle 16.00 , tavolo tecnico per la creazione del Distretto Tecnologico della Sicilia Occidentale

La settimana delle Scienze, Innovazioni, Tecnologie e Ambiente (Sita) è un progetto promosso dal Comune di Partanna, realizzato su proposta e in sinergia con l’associazione culturale e civica Apice, ed è patrocinata dalla Regione Siciliana, dall’Ars e dall’USR Sicilia Ufficio XI Ambito di Trapani in procinto ad una eventuale calendarizzazione per gli anni a venire, a partire dal 2020, per arricchire il panorama italiano dei grandi eventi programmati a cadenza annuale.